Menu
Prodotti di IV Gamma, frutta e verdura take away

Prodotti di IV Gamma, frutta e verdura take away

Prodotti IV GAMMA

Prodotti di IV Gamma, frutta e verdura takeaway

I fattori di acquisto e di crescita di frutta e verdura confezionati, le preferenze nella GDO.

 

 I Prodotti IV Gamma, frutta e verdura confezionata, assumono un ruolo centrale nella vita degli italiani secondo alcune analisi fatte nel 2017 e nel primo trimestre del 2018.

 Se ne è parlato alle fiere di settore, al Cibus a Parma e al MACFRUT a Rimini in questo maggio 2018.

Al MacFrut 2018 , dove il nostro direttore commerciale Giuseppe Pepè Sciarria era presente, si è parlato dello sviluppo dei prodotti freschi confezionati, quali frutta e verdura in confezioni pronte all’uso.

Questo porterà ad una crescita delle aziende di IV gamma nell’arco di quest’anno, che in realtà è già iniziata dal 2017. La nostra Agenzia tratta prodotti di IV gamma e ne ha vissuto la crescita nell’arco degli ultimi mesi nel settore della Grande Distribuzione Organizzata.

I buyer acquistano diverse varietà di gamma da terzi, o ne fanno produrre a proprio marchio, ma la frutta in vaschetta e le verdure già lavate e confezionate sono ormai un prodotto CULT nelle preferenze degli italiani.

L’incremento di questa tipologia di prodotto è dovuto a diversi fattori.

Secondo le analisi di Ismea Mercati del 2017 e, la produzione di frutta e verdura destinata alla IV gamma ha visto un aumento notevole, ma ancor di più nel primo trimestre del 2018. L’Ismea attribuisce questa crescita “all’effetto Sacchetto”. Il pagamento del sacchetto monouso secondo la legge 123/2017 in vigore dal 1 gennaio del 2018 ha portato i consumatori ad acquistare maggiormente frutta e verdura confezionati.

Il fattore “tempo” è un’altra componente a favore di questa crescita, sempre più persone utilizzano gli snack di frutta confezionata, per consumarle fuori casa o in ufficio.

Nonostante il prezzo sia leggermente più elevato dei prodotti sfusi, non sembra influire sulle preferenze dei consumatori. Alcuni intervistati dell’università cattolica di Parma su un campione di 600 famiglie, dichiara di non dar peso al prezzo dei prodotti, tanto che non solo non lo ricordano, ma quelli che si sono “azzardati” a dare un prezzo di un prodotto lo hanno sottostimato.

Questo dimostra che l’acquisto dei prodotti di IV gamma è legato alla fidelizzazione, alla presentazione e alla qualità del prodotto. Le nuove confezioni create sono sì pratiche e esteticamente attraenti, ma suscitano nel consumatore anche quell’acquisto “di cuore” al quale tutti noi dovremmo puntare.

 

Facebook Twitter Google+ Pinterest LinkedIn

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

×